Blog

ROVIGO, AMMINISTRAZIONE LOCALE IN STALLO E SINDACO CONTINUA A PERDERE OCCASIONI IMPORTANTI

Il parlamentare del Partito Democratico interviene in merito alle notizie relative alla ex Caserma Silvestri.

 ROVIGO 19/06/2016 – <Se continua a destare un certo scalpore la vicenda del permesso concesso all’auto del sindaco nonostante il “fermo” imposto da Equitalia, vicenda che difficilmente si potrebbe derubricare a fatto esclusivamente privato, trattandosi del primo cittadino di Rovigo, ancora più preoccupante appare la situazione di sostanziale paralisi dell’amministrazione comunale, resa evidente dalle trattative in essere per il futuro della Caserma Silvestri>. Il parlamentare del Partito Democratico Diego Crivellari interviene in merito alle notizie relative alla ex caserma presente nel centro storico della città di Rovigo. <Una sorta di complessivo “fermo” dell’amministrazione – ha continuato Crivellari – che ad oggi impedisce, per ragioni imperscrutabili, di compiere anche le scelte più elementari che potrebbero essere portate avanti nell’interesse della città. Bene che, in qualche modo, ci si attrezzi per il futuro di Rovigo e della sua urbanistica, ma l’assenza di qualsiasi visione strategica da parte della giunta è un dato troppo lampante ed altrettanto grave, per poter essere sottaciuto. Ma a cosa serve una amministrazione comunale se ad oltre un anno dalla sua elezione non riesce nemmeno ad abbozzare gli indirizzi che dovrebbero contribuire a disegnare i contorni della città futura? A suon di invettive contro presunti “governi abusivi” non si è forse smarrito il senso del mandato ricevuto dagli elettori rodigini? Un dato è certo: finita anzitempo la luna di miele con gli elettori, svanita la sagra delle promesse e degli impegni non mantenuti, messo in soffitta il decisionismo ruspante degli inizi – ha concluso Crivellari – oggi assistiamo ad uno stallo sempre più preoccupante, in cui l’inerzia e l’assenza di scelte si somma ad una conflittualità crescente tra le diverse anime della giunta. Le occasioni perse sono già parecchie, il rischio è che il futuro di Rovigo venga definitivamente scritto passando sopra la testa degli amministratori eletti dai cittadini>.

Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus