Blog

PIANO INVASI: SICUREZZA IDRICA, LOTTA ALLA SICCITA E MIGLIORAMENTO DELLE RETI

Il parlamentare polesano del Partito Democratico Diego Crivellari espone il dispositivo contenuto nella legge di bilancio che ha in dote 50 milioni di euro l’anno fino al 2022.

ROMA 08/11/2017 – <La nuova Legge di Bilancio guarda al Polesine e alla sua sicurezza idrica. Lo strumento prevede una novità importante per il nostro territorio, il Piano Invasi. Parliamo di 250 milioni per interventi urgenti sulle nostre reti idriche nazionali e l’istituzione di un piano nazionale, simile a quello già esistente per il dissesto idrogeologico, in grado di programmare la pianificazione degli interventi necessari alla lotta alla siccità e a contrastare le perdite delle reti acquedottistiche. Nello specifico tra i 25 presenti nel piano Invasi per il Polesine si tratta del finanziamento di progetti considerati urgenti e già esecutivi: di 1.000.000 euro al Comune di Villanova Marchesana per interventi sul canale Crespino; 1.300.000 euro comune di Adria per interventi su canali Valdentro e Adigetto; 3.000.000 euro comune di Bosaro per il nuovo bypass di botte Paleocapa; 1.300.000 euro comune di Ariano nel Polesine per canale Rosolina ed idrovora; 2.500.000 euro comune di Porto Viro per il collettore Padano Polesano; 6.210.000 euro per interventi di ripristino dopo i danni del maltempo del 2014 e 1.500.000 per lavori di dragaggio canali e manutenzione comune di  Porto Tolle. Il piano Invasi che dispone di 50 milioni per anno, fino al 2022, è ad oggi uno strumento estremamente importante per la sicurezza idrica e di previsione dei rischi a livello nazionale, ma ha accolto l’attenzione e molte delle problematiche delicate che insistono sul nostro territorio. Inoltre, il dispositivo rende più veloce la realizzazione di opere ed interventi già in una fase di progettazione ed esecuzione>.

20160321_180812

FacebooktwitterFacebooktwitter