Blog

GOVERNO GARANTISCE LA MESSA IN SICUREZZA DELLA ROMEA

Con una risposta ai parlamentari Crivellari e Mognato, il Ministro conferma risorse per il miglioramento del manto e della pericolosità degli incontri per 1600 milioni, oltre un piano di manutenzione straordinaria per la grande via di comunicazione E45/E55 da 8,2 miliardi.

Incidente Romea2

 <Il Governo garantisce che per la messa in sicurezza della statale 309 Romea verranno messi a disposizione qualche miliardo di euro in cinque anni>. È quanto dichiarato nella risposta scritta all’’interrogazione presentata al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti dai deputati del Partito Democratico Diego Crivelari e Michele Mognato, da tempo impegnati e preoccupati per la pericolosità e l’alto numero di incidenti che si verificano sul tratto viario che collega  Venezia e Ravenna. «Il Ministro – continua l’on.Crivellari – ha in modo chiaro garantito ed assicurato che la statale 309 Romea è un collegamento di vitale importanza per il nostro Paese e per le vie di comunicazione che uniscono la nostra penisola sul versante adriatico. Nello specifico in merito ai prossimi investimenti per la sicurezza, viene segnalato che la strada statale 309 Romea, facente parte dell’itinerario internazionale delle strade di grande comunicazione  E45/E55, è inserita nello Schema di Piano Pluriennale sino al 2019 recentemente sottoscritto al Ministero dei Trasporti. Nel programma si prevedono per il tratto internazionale e quindi anche per la Romea un investimento in cinque anni pari a 1600 milioni di euro che garantiranno il miglioramento delle condizioni di sicurezza mediante l’adeguamento del manto stradale, la realizzazione di rotatorie e l’eliminazione delle curve pericolose. Altri interventi sono previsti anche nei piani di manutenzione in previsione nei prossimi anni. Più in generale – ha concluso Crivellari – per la messa in sicurezza di tutto il tratto della strada di grande comunicazione, che comprende anche la SS309 verranno investisti in manutenzioni straordinarie ben 8,2 miliardi>.

FacebooktwitterFacebooktwitter