Alle elezioni regionali scrivi #SCRIVICRIVELLARI

#ENERGIAPERILFUTURO

Blog

Fermiamo il consumo di suolo in Veneto!

Il Rapporto Ispra 2020 sul consumo di suolo assegna al Veneto un poco invidiabile primato “cementizio” e dimostra la necessità di cambiare rotta nelle politiche regionali, se davvero vogliamo salvaguardare il nostro territorio e, con esso, la salute delle persone. Si impone, se leggiamo obiettivamente questi dati, l’esigenza di pensare ad un modello veneto finalmente diverso, un modello di crescita che sia più rispettoso dell’identità dei luoghi e della qualità della vita delle persone che vi abitano.
Rispettare il paesaggio, riqualificare l’esistente, puntare sull’architettura di qualità, pianificare il futuro tenendo conto delle nostre risorse strategiche (umane, ambientali, culturali): questi sono soltanto alcuni dei punti fondamentali, che potranno concorrere ad un vero e concreto cambiamento di prospettiva.
In ogni caso, è vero che a distanza di un paio di anni dall’approvazione della legge regionale sul consumo di suolo non si registrano ancora risultati apprezzabili su una materia così delicata e decisiva. In questo quadro, il Polesine dovrà dimostrare una particolare attenzione e adoperarsi per frenare la deriva che ha già contribuito a cambiare in maniera irreversibile il volto di tante realtà peculiari della nostra regione. Lo possiamo fare, tra le altre cose, vigilando e prevenendo i fenomeni di illegalità o di scarso rispetto delle regole che rischiano di manifestarsi anche in territori – come il nostro – relativamente distanti dai centri urbani più grandi.

FacebooktwitterFacebooktwitter