Blog

DISCARICA TORRETTA, EFFETTI INQUINANTI ANCHE IN ALTO POLESINE

Il parlamentare del Partito Democratico Diego Crivellari è intervenuto alla Camera dei Deputati per evidenziare ai massimi vertici ministeriali i dati allarmanti della presenza di sostanze inquinanti nelle aree limitrofi al sito di raccolta e stoccaggio rifiuti del comune di Legnago nel veronese a ridosso delle comunità polesane

ROMA 20/04/2017 – <Gli effetti dell’inquinamento riconducibili all’attività della discarica di Torretta, preoccupano anche i Comuni dell’Alto Polesine>. Il problema è stato sollevato dal parlamentare del Partito Democratico Diego Crivellari in Commissioni alla Camera dei Deputati con la presentazione di una interrogazione all’indirizzo del Ministero dell’Ambiente. <Dati recentemente raccolti – ha continuato Crivellari – evidenziano la presenza di solfati, ferro, manganese, magnesio, calcio e arsenico nelle acque della zona. Dal monitoraggio Arpav 2016 sono emersi valori allarmanti, richiamati pubblicamente e portati all’attenzione delle autorità da parte delle stesse amministrazioni locali: almeno tre parametri, indicatori della presenza di percolato, hanno superato in concentrazione i limiti attualmente sanciti dal Codice dell’ambiente, con effetti potenzialmente pericolosi per i comuni polesani di Melara, Bergantino e Castelnovo Bariano. I campionamenti eseguiti da Arpav sulle acque superficiali hanno rilevato concentrazioni addirittura triplicate di metalli pesanti come arsenico, manganese, nichel, facendo ipotizzare il rischio concreto di inquinamento delle falde. Non da ultimo, su sollecitazione di comitati locali di cittadini molto preoccupati vi è stato lo scorso 13 aprile un sopralluogo di Arpav e Carabinieri nell’area per raccogliere dati ed informazioni ulteriori. Ai massimi livelli governativi e del Ministero competente ho voluto chiedere appunto – ha concluso Crivellari – se sono a conoscenza della situazione venutasi a creare e quali iniziative intendano mettere in atto per tutelare la salute della popolazione dei comuni coinvolti, con particolare riferimento ai Comuni dell’area alto-polesana>.

Intervento OGM

Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus