Blog

INTERVENTO ALLA CAMERA: COMMEMORAZIONE DI GIAN ANTONIO CIBOTTO

Roma, 14 settembre 2017

E’ morto a Rovigo lo scorso mese di agosto Gian Antonio Cibotto, scrittore, poeta, giornalista, critico letterario. Di formazione cattolica e antifascista, è stato uno spirito libero, soprattutto: un grande, originalissimo cantore del Veneto e, in particolare, della sua terra, il Polesine, il Delta del Po. Una voce limpida, un intellettuale profondo che ha segnato con la propria costante e diversificata presenza la cultura del secondo Novecento.

Nato nel 1925, è stato l’autore di volumi importanti, dalle Cronache dell’alluvione, insuperata narrazione della grande catastrofe del Polesine del 1951, lodata a suo tempo da Eugenio Montale, a La coda del parroco, a Scano Boa – diventato poi film – e molti altri. Di lui hanno scritto le voci più significative della nostra cultura, da Cecchi a Pancrazi, da Bo a De Benedetti.

Fu per molti anni critico letterario del “Gazzettino”. Riaprì e diresse il Teatro Goldoni a Venezia. Per la sua opera, Cibotto ha ricevuto prestigiosi premi letterari come il Marzotto e il Comisso e ha fondato alcuni tra i principali premi letterari italiani, tra cui il Campiello. Nel dopoguerra è stato il primo a riscoprire e rilanciare l’opera del Ruzante, a recuperare la lingua pavana “dura e aspra”, il teatro veneto, una ricchissima – e spesso non adeguatamente conosciuta – tradizione culturale

Il ministro Dario Franceschini lo ha ricordato con queste parole: “’Cronache dell’alluvione’ e ‘Scano Boa’ resteranno tra le opere piu’ belle degli scrittori padani. […] Ora [Cibotto] starà già risalendo l’argine dal Delta verso Luzzara e a metà strada incontrerà Zavattini. Così, finalmente, lui e Za potranno sedersi in cima alla discesa d’erba che guarda la golena a parlare, con calma, del loro fiume e della loro terra”.

Una donazione di ben 60.000 libri è l’ultimo regalo che Gian Antonio Cibotto, prima di andarsene, ha voluto fare a Rovigo e al Polesine, prima di essere sepolto nella vicina città di Lendinara, lasciando la sua biblioteca personale all’Accademia dei Concordi.

on. Diego Crivellari

Intervento OGM

FacebooktwitterFacebooktwitter