Il Bilancio Sociale vuole essere una sorta di cantiere aperto, di cantiere ‘in progress’ che in forma inedita presenta al pubblico i tratti salienti della nostra attività parlamentare, ripercorrendo i principali appuntamenti, gli eventi, i nodi locali e nazionali, i dossier ‘caldi’ e le azioni svolte durante l’anno che si è appena concluso.

Uno strumento nuovo, almeno per la nostra provincia, quello del Bilancio sociale, che si pone l’obiettivo di rendere conto non soltanto degli aspetti maggiormente quantitativi del lavoro parlamentare quotidianamente affrontato a Montecitorio (presenze in aula, iniziative legislative, interpellanze e interrogazioni ecc. E a tale proposito si vedano gli aggiornamenti puntuali di una piattaforma web come OpenParlamento, per esempio), ma di metterne in evidenza anche altri caratteri, talora meno intercettabili, o meno facilmente ‘misurabili’, compresa quella continua opera di tessitura, o ritessitura, tra il Parlamento, Roma e il Polesine, tra il cuore del potere centrale e un territorio complesso, fragile, bellissimo, con molti problemi aperti (occupazione, Enel, Parco, economia, riassetto istituzionale ecc.).

Abbiamo deciso di provare a raccontare questi mesi di intensa attività parlamentare introducendo una sicura novità, almeno per la nostra Provincia: la programmazione di una serie di incontri periodici aperti ai cittadini, in cui spiegare il nostro impegno per il territorio: il “RendIncontro”.